Siete, come tutte le famiglie,  abituati alle detrazioni del 19% sul mutuo? Alle detrazioni sulle spese mediche sostenute?

Dimenticatele.  

 

Tutte le manovre fiscali, anche quelle assurde promosse dal governo giallo verde, hanno necessariamente bisogno dell’indicazione delle coperture. A bilancio, per giustificare dei soldi che escono, bisogna indicare un’altra fonte in cui i soldi rientrano. Per finanziare la riduzione delle aliquote Irpef e avvantaggiare l’elettorato ricco di centrodestra ( E quindi provocare il riavvicinamento concreto tra la Lega e Berlusconi)  è necessario trovare i soldi da un’altra parte.
Considerata la difficoltà politica di un intervento selettivo, prende quota il taglio delle detrazioni fiscali. Il 19% sulle spese mediche, sugli interessi del mutuo sulla prima casa, sulle spese per l’università dei figli, potrebbe essere ridotto di uno o due punti percentuali, fino al 17%. Con effetti finanziari molto rilevanti, anche se spostati sul 2020, quando saranno presentate le dichiarazioni dei redditi 2019 e versate le relative imposte.
Ridurre la detrazione al 17% farebbe risparmiare quasi un miliardo, ma per contenere i costi si considera anche l’ipotesi di un aumento della franchigia (sulle spese sanitarie del 19% oggi è fissata a 129 euro). Per limitare i costi della controriforma della Fornero si ipotizza anche una penalizzazione variabile tra lo 0,5 e l’1,5% per ogni anno prima dei 67 anni canonici.

Sembra evidentissimo che a pagare le conseguenze della manovra legastellata, saranno principalmente i cittadini normali. 

Pin It

Altro dall'Agorà

  •  
     
    Dopo una plateale battaglia a difesa del mare, con una campagna referendaria utile solo a raccogliere consenso, il Governo dei penta cilatroni ha colpito di nuovo: il  Ministero dello sviluppo economico ha da pochi giorni rilasciato tre nuovi permessi di ricerca di gas e petrolio in mare e, inoltre, ha prorogato una concessione già scaduta da anni.
  • Delle responsabilità di Di Maio padre mi importa quanto il risultato del Derby di Milano e, quindi, praticamente un cazzo. Un pò perché ho altri interessi e cose ben più importanti a cui pensare per perdere tempo dietro alle buffonate, un pò perché entrambi gli eventi sono ininfluenti ai fini della “classifica”. 

  • I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.