I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.

Salvini è un uomo di 45 anni che usa i social per fare politica.
Adesso ha anche l’onore oltre che l’onere di fare momentaneamente il Ministro dell’Interno e quindi di tutelare la sicurezza di tutti i cittadini, specie se minori, specie se donne.
E invece pubblica la foto di tre studentesse minorenni, ree di avere esposto un cartello contro di lui durante una manifestazione, non ne oscura nemmeno il volto e le lancia in pasto alla rabbia dei suoi sostenitori scatenando 12mila commenti, di insulti e minacce, quasi tutte sessiste.
12mila commenti di insulti e minacce a tre studentesse minorenni sulla pagina del Ministro dell’Interno. 
Non ne ha cancellato nemmeno uno.

Salvini ha dato consapevolmente in pasto ai lupi la stessa incolumità di tre studentesse minorenni, che il suo ruolo dovrebbe tutelare. Già mi immagino il post di Salvini il 25 novembre, per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, mentre recita la parte del virile poliziotto che tutela le donne. A questo giro no.
Visto che il ministro si vanta di gestire da solo i suoi profili social adesso ne dovrà rispondere personalmente.

Sto depositando un’interrogazione in cui gli chiedo conto di tutto questo, perchè un Ministro dell’Interno che lascia alla pubblica gogna delle ragazze non è degno nemmeno di essere chiamato Ministro. Insulta tutte noi, e insulta anche le istituzioni.

Vediamo se per una volta avrà il coraggio di rispondere in aula o se, come al solito, scapperà.”

Pin It

Altro dall'Agorà

  • I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.

  • Sorrido divertito davanti ai titoloni delle testate on line e a certi post sui social network che esaltano l’intervento di questa consigliera regionale di Piacenza all’assemblea nazionale del PD.

  • Per alcuni il rischio default è uno spauracchio da agitare sotto il naso dell’opinione pubblica ma, considerando lo stato dei conti del nostro Paese, che rischio corriamo realmente di andare in bancarotta?