Segnalazioni, disattivazione account e multe salatissime per i condivisori seriali du Fake News 

Prima o poi dovremo arrivare ad una regolamentazione. Sperare che lo faccia il Parlamento italiano, accozzaglia di personaggi in cerca d’autore, eletti tra casting sul web e sedicenti piattaforme on line, è pura utopia. Ma i governi sovranazionali, a cominciare dal Parlamento Europeo, devono capire che il tema è fondamentale non più dal punto di vista tattico/elettorale ma soprattutto per la tenuta della Democrazia.

I creatori delle fake news sono professionisti della pirateria digitale abilissimi a creare le bufale e a scomparire nel nulla, mentre le loro “creature” arrivano a milioni di persone distorcendo la realtà. Una Spectra del terzo millennio che mira a conquistare il mondo attraverso armi di distruzione massa che offuscano i cervelli e costruiscono realtà parallele distruggendo avversari politici e seminando odio razziale.

 I governi devono intervenire insieme ai responsabili dei grandi Social per trovare una soluzizone. Io, nel mio piccolo, credo che si possa partire dal percorso inverso, colpendo subito i piccoli spacciatori di fake news.

Penso ad una Patente a punti dove, attraverso segnalazioni ad una sezione apposita della Polizia postale, venga punito chi diffonde le bufale.

Se tu non conosci i segnali stradali, ignori le regole del codice della strada o guidi in stato di ebbrezza, diventi un pericolo per la comunità; allo stesso modo se uno è talmente idiota da non distinguere una notizia da una puttanata (o se uno lo fa scientificamente in malafede), mette in pericolo la democrazia reale attraverso una mistificazione digitale.

Alla prima segnalazione un avviso, alla seconda segnalazione la disattivazione dell’account per tre giorni, alla terza segnalazione disattivazione per una settimana...fino all’applicazione di multe ed altre sanzioni in caso di recidiva. 

In questo modo si infliggerebbe un colpo durissimo alla fabbrica dell’odio e delle fake e gli organi competenti avrebbero maggiori mezzi e maggiore spazio “visivo” per scovare gli autori. 

È solo una proposta, ma da cittadino avverto il problema come un grande pericolo. 

 

 

 

Pin It

Altro dall'Agorà

  • Segnalazioni, disattivazione account e multe salatissime per i condivisori seriali du Fake News 

  •  
     
    Dopo una plateale battaglia a difesa del mare, con una campagna referendaria utile solo a raccogliere consenso, il Governo dei penta cilatroni ha colpito di nuovo: il  Ministero dello sviluppo economico ha da pochi giorni rilasciato tre nuovi permessi di ricerca di gas e petrolio in mare e, inoltre, ha prorogato una concessione già scaduta da anni.
  • Delle responsabilità di Di Maio padre mi importa quanto il risultato del Derby di Milano e, quindi, praticamente un cazzo. Un pò perché ho altri interessi e cose ben più importanti a cui pensare per perdere tempo dietro alle buffonate, un pò perché entrambi gli eventi sono ininfluenti ai fini della “classifica”.