di MAURO MAGGIO

di MAURO MAGGIO

 

Circa tre mesi fa, su questo stesso Blog, provai a dire la mia sulla situazione politica che si stava delineando dopo il voto del 4 marzo e provai a ipotizzare una situazione “auspicabile”.

di MAURO MAGGIO

Da giorni i canali di comunicazione di massa, ed in particolar modo le bacheche dei social network, sono intasate da una miriade di notizie false, banali, palesemente assurde, che mirano a mutare il quadro della realtà consegnandoci un mondo virtuale che, nell’immaginario collettivo di una platea beatamente allocca, esiste per davvero, ma di cui, nella realtà, non c’è traccia. 

di MAURO MAGGIO

Quando abbiamo deciso di intraprendere questo percorso, dando vita al progetto politico, prima ancora che alla lista CambiaMenti, eravamo ben conoscienti e consapevoli delle difficoltà che avremmo incontrato durante il cammino.

di MAURO MAGGIO

 

Altro dall'Agorà

  •  
     
    Dopo una plateale battaglia a difesa del mare, con una campagna referendaria utile solo a raccogliere consenso, il Governo dei penta cilatroni ha colpito di nuovo: il  Ministero dello sviluppo economico ha da pochi giorni rilasciato tre nuovi permessi di ricerca di gas e petrolio in mare e, inoltre, ha prorogato una concessione già scaduta da anni.
  • Delle responsabilità di Di Maio padre mi importa quanto il risultato del Derby di Milano e, quindi, praticamente un cazzo. Un pò perché ho altri interessi e cose ben più importanti a cui pensare per perdere tempo dietro alle buffonate, un pò perché entrambi gli eventi sono ininfluenti ai fini della “classifica”. 

  • I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.