di Mauro Maggio

Un contributo al dibattito post elettorale ed uno sgurado al prossimo futuro 

Ieri, mentre la direzione nazionale del PD allontanava l'ipotesi di un congresso in grado di avviare una riflessione profonda sugli anni del renzismo, uno dei fondatori di Articolo Uno e di Liberi e Uguali, Roberto Speranza, rilasciava la seguente dichiarazione che io, per quel che vale il mio parere, mi sento di condividere pienamente:

Per capire quello che accade oggi, spesso è utile voltare lo sguardo a quello che è successo ieri. Non vi chiedo, qui, uno sforzo enorme, basta ricordare la calda fase del Governo Monti. Mentre Bersani Ed il PD erano costretti a sostenere quel governo per uscire dalla crisi economica, il M5S compie una mutazione e inizia a proporsi come forza anti austerità, anti Europeista, anti banche, anti sistema a 360 gradi.

In politica, come nella psicologia di ognuno di noi, vale una "legge" fondamentale: il primo passo per superare uno sbaglio o un fallimento è il riconoscerlo.
E il riconoscimento deve essere pieno e totale.

Le ideologie sono morte? Ma neanche per scherzo! Provate a cercare in rete un illuminante articolo di Letizia Tortello pubblicato su "La Stampa" dal titolo: "Per i giovani inglesi il capitalismo è più minaccioso del comunismo".

 

Altro dall'Agorà

  •  
     
    Dopo una plateale battaglia a difesa del mare, con una campagna referendaria utile solo a raccogliere consenso, il Governo dei penta cilatroni ha colpito di nuovo: il  Ministero dello sviluppo economico ha da pochi giorni rilasciato tre nuovi permessi di ricerca di gas e petrolio in mare e, inoltre, ha prorogato una concessione già scaduta da anni.
  • Delle responsabilità di Di Maio padre mi importa quanto il risultato del Derby di Milano e, quindi, praticamente un cazzo. Un pò perché ho altri interessi e cose ben più importanti a cui pensare per perdere tempo dietro alle buffonate, un pò perché entrambi gli eventi sono ininfluenti ai fini della “classifica”. 

  • I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.