Ero un giovanotto quando, su Retequattro, si assisteva alla celeberrima pantomima di Emilio Fede che, basandosi sui sondaggi, aveva ricoperto l'Italia di bandierine blu.

 

Uno spettro si aggirava per l'Europa. Poi non più. 

Il bandolero stanco è uno degli album più belli e politicamente impegnati del cantautore Roberto Vecchioni. Inciso e pubblicato nel 1997, contiene al suo interno alcune tracce straordinarie che, a riascoltarle oggi, risultano di straordinaria attualità.

  

 

 

Io sono qui per far si che domani non si dica che i tempi erano oscuri perchè loro taciuto.

Ero convinto che il consiglio di Stato avrebbe aspettato il 5 marzo per il pronunciamento definitivo sulla questione delle amministrative leccesi. Pensavo che avrebbero fatto di tutto per non minare e già difficili equilibri creatisi al momento della compilazione delle liste elettorali.

Altro dall'Agorà

  •  
     
    Dopo una plateale battaglia a difesa del mare, con una campagna referendaria utile solo a raccogliere consenso, il Governo dei penta cilatroni ha colpito di nuovo: il  Ministero dello sviluppo economico ha da pochi giorni rilasciato tre nuovi permessi di ricerca di gas e petrolio in mare e, inoltre, ha prorogato una concessione già scaduta da anni.
  • Delle responsabilità di Di Maio padre mi importa quanto il risultato del Derby di Milano e, quindi, praticamente un cazzo. Un pò perché ho altri interessi e cose ben più importanti a cui pensare per perdere tempo dietro alle buffonate, un pò perché entrambi gli eventi sono ininfluenti ai fini della “classifica”. 

  • I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.