Era un po' quello che temevo: tutti vogliono il cambiamento e tutti sono rivoluzionari, finché si resta circoscritti alle chiacchiere sui socialnetwork e allo scambio di opinioni davanti ad un caffè. Ma quando il gioco si fa duro a Squinzano è abitudine girarsi dall'altra parte.

Con la vecchia formulazione dello Statuto dei lavoratori una cosa del genere sarebbe stata fuori discussione. Il Jobs Act, con un intervento mirato, ha depotenziato le tutele e spianato la strada a questi comportamenti da fine ottocento. 

di MAURO MAGGIO

Nel collegio camerale numero 7 il centro destra trova la quadra su Perrone. Per il PD sfuma Delli Noci (per due motivi)

 

 

Il popolo del centrosinistra aveva chiesto chiarezza e scelte nette e LIBERI e UGUALI sembra aver imboccato la strada giusta. 

Altro dall'Agorà

  •  
     
    Dopo una plateale battaglia a difesa del mare, con una campagna referendaria utile solo a raccogliere consenso, il Governo dei penta cilatroni ha colpito di nuovo: il  Ministero dello sviluppo economico ha da pochi giorni rilasciato tre nuovi permessi di ricerca di gas e petrolio in mare e, inoltre, ha prorogato una concessione già scaduta da anni.
  • Delle responsabilità di Di Maio padre mi importa quanto il risultato del Derby di Milano e, quindi, praticamente un cazzo. Un pò perché ho altri interessi e cose ben più importanti a cui pensare per perdere tempo dietro alle buffonate, un pò perché entrambi gli eventi sono ininfluenti ai fini della “classifica”. 

  • I social network rappresentano il principale canale di comunicazione oggi esistente nell’italico stivale. Confondendo spesso realtà e fantasia e mistificando le intenzioni con le azioni. In merito ad una delle innumerevoli giravolte social del Ministro (!) Salvini, la migliore risposta, vera e sincera, è stata quella che la Parlamentare Dem Giuditta Pini ha affidato ad un post sulla sua Pagina Facebook. Mi permetto di condividerne il contenuto provando a dare il mio contributo alla sua diffusione.