Mauro Maggio è nato nel 1972. Vive a Squinzano e nella sua vita è stato studente di ragioneria, iscritto alla facoltà di scienze politiche, commerciante ambulante di salumi e formaggi, distributore di volantini, carabiniere, assistente di scena in una compagnia teatrale, ragioniere al mercato ortofrutticolo.

Undici dettagli, undici frammenti, undici storie.

Undici figure lontanissime dallo stereotipo di donne che il terzo millennio tenta di imporci.

Ci sono cose che tutti ricordiamo, come flash indelebili nella nostra memoria fotografica. Dettagli che diventano punti di riferimento, testimonianze della nostra personalissima storia. Punti di luce nell’orizzonte ottico trasparente. Spesso, all’apparenza, insignificanti. Ed è così che, di punto in bianco, ritornano alla mente, restituendoti un ricordo ed una proiezione di futuro.

Altri Pensieri Spettinati

  • I più giovani, probabilmente, non ne hanno mai sentito parlare, se non per averlo visto come vice CT del Belgio negli ultimi Campionati del Mondo. 

  • di MAURO MAGGIO 

     Partiamo da una premessa: è sacrosanto che qualsiasi lavoratore abbia il diritto al riposo nei giorni di festa. Fatte salve alcune festività inviolabili: Natale, Capodanno, 1 Maggio, 25 Aprile, Pasqua, su tutto il resto è necessario aprire un dibattito franco e sincero.

  • di MAURO MAGGIO